Basilicata Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Liguria Emilia Romagna Friuli-Venezia Giulia Trentino-Alto Adige Lombardia Puglia Lazio Umbria Marche Abruzzo Veneto Sardegna Calabria Sicilia Toscana

ITALIA

Piemonte

Provincia di Cuneo

Paesana

 Login/Registrazione    Il progetto
  

Paesana

Home Page -> Italia -> Italia Nord-Occidentale -> Piemonte -> Provincia di Cuneo ->Paesana

  
Guida
 
Alloggi e sistemazione
 
Cultura e Tempo libero
 
Mangiare e bere
 
Salute e bellezza
 
Servizi turistici
 
Shopping

Mappa Paesana

Informazioni generali
Il comune di Paesana è, insieme ad altri 249, uno dei comuni della Provincia di Cuneo.
Abitanti: ha una popolazione di circa 3050 abitanti.
Altitudine: è situato a circa 650 metri sul livello del mare.
Comuni limitrofi: confina con i seguenti comuni: Barge, Oncino, Ostana, Sampeyre, Sanfront.
CAP: 12034
Prefisso: 0175
Codice fiscale: G228
Codice ISTAT: 4157
Nome degli abitanti: Paesanesi


Il Territorio
Paesana, centro della Valle Po
Incuneata fra il Monviso e il Montebracco, PAESANA è il vero centro della VALLE PO. Diviso in due borghi, denominati secondo le due parrocchie di Santa Maria e Santa Margherita, il paese che conta oltre tremila abitanti, è un ottimo centro di villeggiatura, dotato di strutture ricettive e di svago per il tempo libero.

Paesana e il parco del Po
Il Po rappresenta uno degli elementi essenziali del paese.
Il Parco Regionale del Po ha individuato un’area che verrà in parte attrezzata ad un uso turistico-ricreativo. E’ consigliabile una passeggiata sulla destr orografica del fiume tra Calcinere e le confluenze del torrente Lenta e il Po; rocce e salti d’acqua caratterizzano questo incontaminato tratto di fiume.

La Storia
Arte e religiosità popolare
Dell’antica Paesana non rimane molto, soprattutto dopo le distruzioni della 2° Guerra Mondiale.
Arrivando dalla bassa valle, si entra in Paesana da borgo Santa Margherita, sulla destra orografica del Po.
La chiesa parrocchiale, fiancheggiata dall’alto campanile romanico in pietra, è un edificio rinnovato in stile barocco. Conserva al suo interno notevoli stucchi del Beltramelli, alcune pregevoli statue in legno dorato. Il coro fu costruito nel 1894-95 su disegno del Gastaldi. Sono pregevoli alcuni dipinti dell’Arnaud, un quadro del Borgna e del Giacone raffigurante il Battesimo di Gesù (1876).
Sulla piazza, accanto alla chiesa, sorge il portico dell’antica giudicatura ove si conserva la pietra della ragione usata per i bandi e i giudicati, fino al XVII secolo, nei pressi della casa detta della Missione, antico convento dei cappuccini istituito nel 1620 allo scopo di combattere e sradicare la dottrina degli Ugonotti. Oggi ospita, più laicamente, la Trattoria del Giardino.
In questa casa furono scoperti cunicoli che, secondo la tradizione, collegavano l’abitato con il castello che sorgeva sopra Erasca.
Attraverso il Po, si entra nel borgo di S. Maria e si raggiunge la piazza Vittorio Veneto, centro del paese, dominata dalla Chiesa parrocchiale di Santa Maria, eretta dal 1767 al 1783, forse su disegno del Gallo, probabilmente nello stesso luogo dove sorgeva una chiesa sin dal XI sec.
Sull’alto della facciata sono state poste due statue marmoree: opere di scultura lombarda del primo ’500, rappresentano il marchese di Saluzzo Ludovico II e un abate.
L’interno è in stile barocco e l’altare maggiore è ispirato a quello della Cattedrale di Saluzzo.
Accanto a piazza Vittorio Veneto si trova la piccola Cappella di San Chiaffredo, preceduta da un caratteristico portico, ultima tappa dei pellegrini verso il Santuario omonimo di Crissolo.

Le persecuzioni contro i Valdesi
Feudo dei Marchesi di Saluzzo, fu contesa più volte dai Savoia, che la ottennero definitivamente nel 1601, con l’annessione sancita dal Trattato di Lione.
Il castello, che si ergeva imponente sopra la frazione Erasca e del quale sopravvive solo qualche fondamenta, fu distrutto dai Francesi nel 1585.
Nel Cinquecento divenne un importante centro di diffusione delle idee della Riforma qui portate dai nuclei Valdesi giunti dalle vicine valli del Pellice e del Chisone. I nomi di piccole frazioni come Bioletto, Bietonetto, Croesio e Pratoguglielmo riempiono le cronache di quei tempi, e le stesse furono oggetto di persecuzioni volute dalla marchesa di Saluzzo, Margherita di Foix, negli anni 1510-13.
Paesana subì gravissime distruzioni da parte dei nazisti, ed in particolare, tra la gente, è ancora vivo il ricordo dell’incendio del 1° agosto 1944.

Folklore, Cultura e Tradizioni
Paesana, per tutte le stagioni
Paesana detiene il singolare record delle feste patronali: San Giuseppe, patrono della buona morte (seconda domenica di luglio), Santa Margherita (seconda domenica di agosto), l’Assunta il 15 agosto e, infine, San Bernardo che è festeggiato la domenica più vicina al 20 agosto.
Celebre è il ricco calendario dell’Estate Paesanese che richiama in vallata un folto numero di turisti. Il programma è organizzato dall’Associazione Turistica Pro Loco di Paesana e copre, con decine di manifestazioni, i mesi di luglio e agosto.

Tanti svaghi per i turisti
A Paesana, nei pressi del ponte sul Po, è disponibile un’area attrezata, che costituisce un ottimo punto di sosta per pic-nic giornalieri.
E’ in funzione le piscina estiva, con due vasche all’aperto. Nelle vicinanze sono situati gli impianti sportivi: un campo da calcio, un campo da tennis, un campo da volley e il bocciodromo.
Gli amanti della musica si ritrovano allo "Shock!", ex-Fortino Disco.

Manifestazioni a Pratoguglielmo
A Pratoguglielmo, borgata situata lungo la strada Paesana- Pian Munè, da non molto, si sta cercando di riportare in vita le tradizioni di questa borgata un tempo abitata da parecchie famiglie.Oggi la borgata è abitata da un solo cittadino abitante e residente, che gestisce da circa tre anni l'unico punto di ristoro dove si possono assaporare ricette tipiche piemontesi e non.Oltre a gestire la locanda,in associazione alla neo nata Pro Loco di Pratoguglielmo,si cimenta in varie manifestazioni che si tengono durante tutto l'anno,come ad esempio i mercatini di natale l'otto di dicembre,maggio miele e formaggio,la giornata occitana a giugno,la 4 KM mangiando e camminando in compagnia fra i sentieri a luglio e non ultimo ad agosto la festa patronale di San Lorenzo, tutte animate da vari intrattenimenti e degustazioni oltre a bancarelle di vario tipo.Progetto in corso d'opera è l'apertura e la pulizia di vari sentieri ormai abbandonati nel tempo.Tanti volontari per promuovere luoghi sconosciuti ma incantevoli.Nella borgata inoltre vi è una chiesetta,una volta parrochia, di San Lorenzo, tutta affrescata dal pittore Borgna,dove si celebra la messa solo la domenica nei mesi di luglio e agosto quando la borgata si anima con villeggianti.A chi fosse interessato al luogo potrà trovare alcune foto inserite su google earth inserendo Paesana- Pratoguglielmo nel motore di ricerca.Per ulteriori informazioni si potrà comunque contattare il gestore della locanda,sempre disponibile a fare due chiacchere o a dare ulteriori informazioni, ai n° di telefono 0175987354/3479420956

Monumenti, Luoghi e Itinerari
La confraternita di Santa Maria
Chiesa di Santa Maria
Chiesa di Santa Margherita
La confraternita di Santa Maria
Gli affreschi presenti all’esterno e all’interno sono opera del pittore Borgna, che qui ha lasciato il segno della sua maestria. Sulla volta centrale della chiesa è dipinta l’Ascensione.
A destra della Confraternita si trova il Palazzo Comunale.
Il territorio circostante merita particolare attenzione per l’architettura delle ancora in gran parte, conservate nei suoi caratteri alpini di media valle.


Il Santuario di Madonna d’Oriente
Risalendo il vallone del Croesio, lungo il confine con Sanfront, si incontra la Cappella della Madonna d’Oriente. La chiesa, già citata in documenti del 1386, si presenta come un edificio nello stile tardo-settecentesco dedicato all’Annunziata.
Il nome è dato dall’abside rivolto ad oriente; qui facevano sosta i numerosi pellegrini della pianura diretti alla Madonna di Becetto.
La tradizione vuole che la chiesa sia sorta in riconoscenza alla Vergine per aver salvato un bambino, qui travolto dallo straripamento del Croesio.

La preistoria al Bricco di Lombatera
La testimonianza dell’antica presenza dell’uomo nel luogo è costituita da un consistente gruppo di incisioni rupestri concentrate sul Bric Lombatera, nella zona di Pian Munè, a 1384 metri di quota.
Le incisioni, scoperte alcuni anni fa da uno studioso saluzzese, sono del tipo a coppelle su pietre di diversa dimensione.
La disposizione dei massi, lungo tre cerchi concentrici attorno ad uno centrale, si ricollega tipologicamente allo schema di un antico luogo di culto.

L’ABBAZIA DI STAFFARDA
LE VALLI DEL ROMANICO E DEL GOTICO

Le valli di Saluzzo hanno conosciuto, soprattutto tra il Tre e il Quattrocento, un periodo di floridezza economica che ha visto emergere orgogli municipali, cantieri di chiese e santuari e una vera civiltà alpina, che si manifesta non meno nella bella architettura civile delle borgate alte che nelle chiese, che svettano con tanti campanili romanici o gotici.

L’ABBAZIA DI STAFFARDA

Il risveglio economico economico e artistico si riassume qui in Staffarda: l’abbazia della poesia cistercense degli spazi, in cui si fondano la tradizione padana e la nuova, pulita regola dell’architettura d’oltralpe.
Fondata forse con un intervento di San Bernardo di Chiaravalle, legata all’ascensa della famiglia marchionale che poneva le proprie sedi non lontano, a Saluzzo e a Revello, Staffarda è l’abbazia del Saluzzese. Al 25 luglio del 1135 viene fatta risalire la fondazione del monastero. Situato in aperta campagna, il complesso abbaziale è circondato ancora oggi da un piccolo villagio rustico. Nella bella chiesa si assiste ad una decisa prevalenza della tradizione romanica lombarda, mentre il gotico cistercense prevale ormai nel magnifico chiostro, nella sala capitolare, nella foresteria e nella loggia per il mercato, posta sulla piazzetta centrale.

Enogastronomia, Ricette e Prodotti tipici

Sport, Divertimento e Tempo libero
Le escursioni e le passeggiate nella media Valle Po
Pian dei Lupi
Al di sotto dei mille metri gli itinerari si snodano attraverso boschi di castagno, mentre, oltrepassando questa altitudine si può godere di un magnifico panorama sia verso la pianura, sia sulla catena del Monviso.

Salendo a quote più elevate si percorrono gli antichi sentieri dei pastori che permettono la riscoperta di paesaggi spesso sconosciuti.


da Paesana a Frazioni Agliasco (m. 970):
questa panoramica località si può anche raggiungere in auto. A piedi si parte da Via Crissolo e, girando a destra per via Nicolini, proseguendo fino in vista della borgata Meira. Si toccano le borgate: Gran Puà, Rui e Losasse (circa 1 ora).

da Agliasco a Pian dei Lupi (m. 1210):
lungo la pista forestale, anche carrozzabile, in circa un’ora si raggiunge Piano dei Lupi; da qui, seguendo la cresta, si tocca Bric Castelletto, Bric Arcett (m. 1628), Castel Oddino (m. 1812) e Punta Sellassa (m. 2036), con vista panoramica siulla Val Po e sulla pianura pinerolese (circa 2,30 ora).

da Paesana alla Cappella di S. Grato (m. 939):
in ottima posizione sopra la colletta, offre un ampio panorama sulla pianura pinerolese. E’ una passeggiata pianeggiante partendo da Agliasco (0,30 ore circa); dal capoluogo è raggiungibile con auto seguendo la strada Battagli-S.Grato.

da Paeana alla Cappella di S.Pietro (m. 1044):
pittoresca cappella con caratteristico porticato antistante, è raggiungibile da Calcinere (1,15 ore circa).

da Paesana alla Cappella di S.Lucia (m. 1650):
proseguendo la strada Calcinere-ferrere si raggiungono, in macchina, le rocce Ciaramolino (cave a quota 1500 m.) e di qui, con ora 1,30 di comoda marcia, si arriva alla Cappella di S.Lucia alla Valdetta, su uno sperone roccioso sul versante Sud della Punta Sellassa.

alla Croce Turnour (m. 1554) e al Bric Mongioia (m. 1654):
partendo dalla Frzione Erasca si risale il crinale che separa la Valle Po dal Vallone di Erasca (ore 3 circa).

da Pian Munè alla Croce di Turnour (m. 1554):
si parcheggia sulla carrozabile due chilometri prima della stazione, si segue poi la strada sterrata fino a Croce Turnour (1,15 ore circa). Proseguendo per la stessa si può scendere al Biatonnet e quindi a Oncino.

da Pratoguglielmo al Rifugio Betorello (m. 1380) al Colle del Prete (m. 1714):
si lascia l’auto alla borgata Droe (circa 2 chilometri dopo Pratoguglielmo) e si prosegue per la vecchia strada fino al rifugio. Attraverso uina bellissima pineta, si giunge a Pian Munè e al Colle del Prete.

da Paesana alla Testa di Garitta Nuova (m. 2385):
raggiunto in auto Pian Munè (m. 1532), con una mulattiera si perviene a Pian Croesio e di qui, per cresta si guadagna la vetta, dalla quale si gode un bellissimo panorama sul Monviso, sulle Valli Po e Varaita e la pianura piemontese (2,30 ore circa). Da Pian Croesio si possono poi raggiungere i Laghi Luset (m. 2133) e la Testa di Nonna (m. 2343) ai confini con il Comune di Oncino.


Passeggiata S. Maria
CARATTERISTICHE: itinerario panoramico (ottima veduta di Paesana e delle valli in generale). Da via Margaria strada sterrata per il primo tratto fino alla Gran Puà, raccordo su via Agliasco in asfalto per poi inserirsi in altro tratto di strada sterrata nel tratto discendente fino alla Borgata Nicolini.
DURATA: 2 ore circa
DISLIVELLO: 135 m. circa

Passeggiata S. Margherita
CARATTERISTICHE: itinerario caratterizzato da un sentiero pianeggiante molto ombreggiato, che si inserisce nella vegetazione ai bordi del fiume Po, transitando per il Bersaglio fino al raccordo con la provinciale per Crissolo alla Ghisola. Percorso poco impegnativo.
DURATA: 45 minuti circa
DISLIVELLO: 50/60 m. circa

Sciare
CRISSOLO (m s.l.m. 1333-2350
Informazioni telefono 0175/94969 - 0175/94907)

E’ la stazione sciistica del Monviso: situata ai piedi del "Re di Pietra", vicinissima alla Sorgente del Po che scorre nei primi tratti affiancando le piste. Grazie alla comoda seggiovia che parte dal centro di Crissolo si raggiungono gli impianti in quota che permettono il collegamento, sci ai piedi, a Pian Regina (posto tappa GTA).
Strutture ricettive, ristoranti e la pista di pattinaggio su ghiaccio si trovano in paese, raggiungibile comodamente in auto o con gli autobus di linea.
Una web-cam è posizionata con visuale sulla pista Granero Lungo e sul Moviso (www.vallipo.cn.it).

PIAN MUNE’ di Paesana
(m s.l.m. 1362-2070)
Informazioni telefono 0175 945415 - 0175 94206 - 0175 945900


"Un terrazzo bianco sulla pianura" così viene definita la panoramica stazione sciistica di Paesana per via dello splendido scenario che offre sull’intero arco alpino piemontese dominato dalla mole del Monviso e sulla pianura. La stazione dista 14 km da Paesana capoluogo ed è facilmente raggiungibile in auto co
n la comoda via di accesso.
Lontani dal caos dei comprensori più rinomati, una dimensione naturale adatta ai gruppi familiari ed agli amanti della montagna e del relax.
Una web-cam è posizionata con visuale sulla seggiovia Piancroesio e pista (www.vallipo.cn.it)
Strutture ricettive, ristoranti e tutti i servizi sono locati in paese dove potete trovare le occasioni di svago per animare il Vostro soggiorno.



Rifugi e posti tappa
La Valle Po è dominata dalla mole del Monviso (3841 m.). Al suo imbocco si eleva il piccolo massiccio del Monte Bracco. Può essere annoverata tra le più brevi delle valli alpine occidentali: dallo spartiacque principale alla Pianura Padana il suo sviluppo non supera i 30 Km. Al Pian del Re, a 2020 m di quota, vengono convenzionalemente collocate le sorgenti del fiume Po, che in realtà origina dai soprastanti laghi ai piedi del Monte Viso. Quest’area fa parte dell’Oasi di Pian del Re, caratteristica torbiera umida, compresa nel Parco regionale del Po.

Rifugio Alpino al Pian del Re (2020 m.) tel. 0175/94967
Rifugio Vitale Giacoletti (2741 m.) tel. 0175/94104
Rifugio Quintino Sella (2640 m.) tel. 0175/94943
Rifugio - Ricovero dell’Alpetto (2268) Tel. 340/5342622
Posto tappa GTA a Pian Melzè (o Pian della Regina) tel. 0175/94907

da Pratoguglilmo alla Bersaia
Partendo dalla frazione San Lorenzo si procede per la vecchia strada, dietro la borgata,si procede diritto arrivando alla borgata Rua de Minè,dove s'incontrano baite, tutte ristrutturate,si procede tenendo la destra per un sentierocon una lieve pendenza fino ad arrivare alla piana chiamata Bersaia dove si potrà ammirare tutto lo splendore del Re di Pitra, il Monviso.Per il ritorno o si ripercorre la stessa strada o scendendo fino alla baita che si trova proseguendo diritto si può percorrere il sentiero sottostante e ritornare alla borgata Rua de Minè.Percorso di 4 KM circa percorribile senza difficoltà

Eventi e Appuntamenti
Le manifestazioni
Paesana detiene il singolare record delle feste patronali:

San Giuseppe, patrono della buona morte (seconda domenica di luglio);

Santa Margherita, (seconda domenica di agosto);

l’Assunta, il 15 agosto;

San Bernardo che è festeggiato la domenica piu vicina al 20 agosto. Celebre è il ricco calendario dell’Estate Paesanese che richiama in vallata un folto numero di turisti. Il programma è organizzato dall’Associazione Turistica Pro Loco di Paesana e copre, con decine di manifestazioni, i mesi di luglio e agosto.

eventi a Pratoguglilmo-Paesana
Aprile " Fiera dei fiori"
Maggio " Maggio miele e formaggio"
Giugno " Giornata occitana"
Luglio " La 4 KM mangiando e camminando"
Agosto " Festa di San Lorenzo"
Dicembre " Fiera degli obei-obei" mercatini di natale

Da sapere
Le frazioni - Ghisola, Calcinere e Agliasco
La Ghisola
La Ghisola
Sulla strada che conduce a Crissolo, sul versante solatio della valle, si raccoglie la frazione Ghisola che conserva edifici nelle antiche forme rustiche, tra le quali si nota la casa a cinque arcate, detta di Re Desiderio. La tradizione vuole che sia la casa dove si rifugiò per qualche tempo Re Desiderio, dopo la sconfitta da parte dei Franchi di Carlo Magno.

Oltre Ghisola, si trova Calcinere, la cui ottocentesca Chiesa parrocchiale di S. Antonio Abate è ornata da un bel portale rinascimentale e due sovrafinestre in marmo bianco locale, ricavate da un’acquasantiera opera dello scultore Matteo Sanmicheli, della prima metà del ’500. Sulla facciata un’immagine raffigura l’Immacolata, opera del Borgna.

Nella zona di Calcinere, le cave di marmo bianco, un tempo famose per aver fornito bellissimi marmi per Torino ed al Piemonte intero, erano poi state chiuse nei primi dell’ottocento, non avendo retto la concorrenza con quelle di Carrara.

Dal borgo di Santa Maria un’altra strada risale tortuosamente le falde del bric Castelletto (m.1360) e tra bei castagneti conduce alla frazione di Agliasco (m.970), dalla cui splendida conca si può ammirare uno spettacolare panorama sul Monviso.
La parrocchia di S. Giacomo, di antica origine, reca sulla facciata un affresco raffigurante S. Filippo e S. Giacomo, opera di Matteo Olivero (1916).

Numeri utili
L’Ospitalità a Paesana
Albergo "Sud America" ***
Piazza Statuto, 14 – telefono 0175/94122 / 94185 fax 0175 / 987168

Albergo "La Colletta" ***
Via Colletta, 29 – telefono/fax 0175 / 945321

Albergo-Residence Meuble’ "Da Natale" **
Via Roma, 13 – telefono 0175 / 94125

Affittacamere "Calcinere" c/o Ristorante l’Alpino
Frazione Calcinere Inferiore , 40 – Paesana – telefono 0175 / 945586

Affittacamere "Ostu d’la Bela Mendia"
Via Piancroesio, 64 (Frazione Frasca) – telefono 0175 / 945535

Azienda Agrituristica "La Bordiga"
Via Cascina Bordiga, 11 – telefono 0175 / 945 434

Azienda Agrituristica "L’ Ciabot"
Località Colletta, 40 – Telefono 0175 / 945812 –945813
cell. 0335 / 6906552 fax 0175 / 945812

Rifugio Alpino "Bertorello"
Località Pian Munè – Posto tappa GTA

Informazioni presso Ufficio Turistico
telefono e fax 0175 / 945857 e-mail: infovallipo@libero.it

Informazioni a cura di:
Ufficio Turistico di Valle – Informazioni Accoglienza Turistica
Piazza Vittorio Veneto, 30 – 12034 Paesana (CN)
Telefono e fax 0175/ 945857 e-mail: infovallipo@libero.it


RISTORANTI
ALPINO
Loc. calcinere, 40
0175945586

AQUILA D’ORO
Via Roma, 50
017594188

LA COLLETTA
Via Colletta, 27
017594262

LO SCOIATTOLO
Fr. San Lorenzo
0175945087

SUD AMERICA
Piazza Statuto, 14
017594122

TRATTORIE DEL GIARDINO
Via Piave, 9 017594297

OSTU D’LA BELA MENDIA
Frazione Erasca.
Via Piancroesio, 64 0175945535

VALLE PO
Località Ghisola 0175987318

AGRITURISMI

LA BORDIGA
Borgata Bordiga
0175945434

PIZZERIE

WHELLINGTON
Via Reinaud, 20 017594243

NUMERI TELEFONICI UTILI
CARABINIERI pronto intervento 112
SOCCORSO PUBBLICO DI EMERGENZA 113
VIGILI DEL FUOCO pronto intervento 115
SOCCORSO STRADALE (Automobile Club d'Italia) 116
SOCCORSO STRADALE (Europ Assistance VAI) 803803
GUARDIA DI FINANZA 117
EMERGENZA SANITARIA 118
CORPO FORESTALE DELLO STATO 1515
AMBULANZA numero unico 167 217118
GUARDIA MEDICA 0172 711417 147 817817
C.A.I. soccorso alpino Crissolo 0175 94945
POLIZIA STRADALE Saluzzo 0175 211811
CORPO FORESTALE DELLO STATO Barge 0175 346593
INCENDI BOSCHIVI SALA OPERATIVA 167 807091

CARABINIERI
Bagnolo P.te 0175 391444
Barge 0175 345035
Crissolo 0175 94903
Paesana 0175 94104
Revello 0175 257090

FARMACIE
Bagnolo P.te 0175 391108
Barge 0175 346129 0175 346139
Paesana 0175 94117

  Link

 Annunci Paesana Annunci gratuiti con foto e senza registrazione
 Annunci lavoro Paesana Annunci gratuiti per offerta e ricerca di lavoro
 Annunci personali Paesana Annunci gratuiti per amicizia, amore, incontri e matrimonio
 Annunci immobiliari Paesana Annunci gratuiti di vendita e affitto case e immobili
 Annunci Paesana Annunci gratuiti

 Case in Vendita Paesana - Annunci immobili a Firenze dal sito ufficiale dell'associazione FIAIP (Federazione Italiana Agenti Immobiliari Professionali)

  I commenti degli utenti e dei viaggiatori

 Per chi ama la tranquillità il relax e sopratutto per chi ama la montagna,il trekking, questo è il posto ideale. (by marioc on 2009-10-15 19:43:51)

 


made by
Officine Informatiche