Basilicata Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Liguria Emilia Romagna Friuli-Venezia Giulia Trentino-Alto Adige Lombardia Puglia Lazio Umbria Marche Abruzzo Veneto Sardegna Calabria Sicilia Toscana

ITALIA

Sardegna

Provincia di Nuoro

Mamoiada

 Login/Registrazione    Il progetto
  

Mamoiada

Home Page -> Italia -> Italia Insulare -> Sardegna -> Provincia di Nuoro ->Mamoiada

  
Guida
 
Alloggi e sistemazione
 
Cultura e Tempo libero
 
Mangiare e bere
 
Salute e bellezza
 
Servizi turistici
 
Shopping

Mappa Mamoiada

Informazioni generali
Il comune di Mamoiada è, insieme ad altri 51, uno dei comuni della Provincia di Nuoro.
Abitanti: ha una popolazione di circa 2590 abitanti.
Altitudine: è situato a circa 650 metri sul livello del mare.
Comuni limitrofi: confina con i seguenti comuni: Fonni, Gavoi, Nuoro, Ollolai, Orani, Orgosolo, Sarule.
CAP: 08024
Prefisso: 0784
Codice fiscale:
Codice ISTAT: 91046
Nome degli abitanti: mamoiadini


Il Territorio
Paese e Territorio
menhir "Perda Pintà"
Chiesa di N.S. di Loreto
L’abitato di Mamoiada si trova nel cuore della Barbagia di Ollolai, è raggiungibile da Cagliari, Sassari, Oristano e Olbia percorrendo la statale 131 e 131 d.c.n. in direzione Nuoro (capoluogo di provincia). Da qui è sufficiente immettersi sulla nuova S.S. 389 (s.s.v. strada scorrimento veloce - direz. Lanusei e Tortolì) e dopo circa 15 km si arriva al piccolo centro.
Il territorio, di appena 4900 ettari è ricco di sorgenti naturali, corsi d’acqua, terreni a pascolo e a colture; pascoli ricchi di bestiame e numerosi vigneti che sostengono le attività più fiorenti: la produzione di ottimi vini e formaggi.
Dal punto di vista architettonico l’emblema di Mamoiada è l’imponente chiesa di Nostra Signora di Loreto, sita al centro del paese, una costruzione pisana di probabile periodo medioevale, ha la base a forma circolare, mentre la cupola termina ad esagono.
“Su hantaru vezzu” (la vecchia fonte) è la sorgente d’acqua dalla quale prende il nome lo stesso rione, si dice sia di epoca romana. A 5 km dal paese sorge il santuario dei SS. Cosma e Damiano, meta di molti pellegrini, devoti e turisti, sito a circa 900 m.s.l.m. nell’altopiano di “Lidana” a fianco della strada che porta a Gavoi. La chiesa ha una struttura molto più antica ed è sita al centro di una cerchia di una cinquantina di casette per i novenanti dette in mamoiadino humbessìas (da altre parti “muristenes”) e dei loggiati (lozzas) che nel periodo della festa vengono occupati dai venditori ambulanti. Il santuario è ritenuto da alcuni studiosi il più antico della Barbagia, risalirebbe al VII secolo d.C..
Il paese possiede vaste zone di interesse archeologico e, secondo gli esperti, si deve ritenere che lo stanziamento umano in questa zona risalga al neolitico e pre-neolitico poiché i segni di antichissime civiltà sono abbondantemente presenti nel territorio con una varietà di tracce archeologiche e antropologiche significative (dalla pietra votiva, al nuraghe, alle domos de janas, ai dolmens, alle tombe di giganti, fino ai menhir si contano una cinquantina di siti) ed una toponomastica affascinante. Ma la scoperta più sensazionale è quella di un grande “Menhir” di granito detto “Sa Perda Pintà” (nota come Stele di Boeli, m. 2.67x2,10x0,57). Caratteristica di questo reperto è la presenza di una serie di coppelle e di incisioni concentriche che lo rendono unico in Sardegna e di importanza europea per l’esclusiva iconografia, simile ad analoghe pietre trovate nell’area dei Celti: Scozia, Irlanda, Galles e Bretagna. (maggiori informazioni nel sito culturale – more info http://www.mamoiada.org - testo e foto R. Ballore)


La Storia

Folklore, Cultura e Tradizioni
Sagre-Feste-Riti-Tradizioni
Visera (Maschera)
Mamuthones e Issohadores
 Mamuthone
costumi tradizionali
Sagre e feste
Molto sentita dalla popolazione la festa di S. Antonio Abate 16/17 gennaio, con i grandi fuochi votivi accesi in ogni rione del paese. La popolazione si raccoglie attorno ai grandi falò ed è uno dei momenti di grande partecipazione sociale che si estende anche ai visitatori forestieri ospitati in ogni vicinato ai quali sono offerti del buon vino e i dolci tipici del periodo.
E’ proprio in occasione di questa festa che “escono”, come si dice in paese, per la prima volta nell’anno sos Mamuthones e sos Issohadores (una delle rappresentazioni più arcaiche del folclore isolano); anche questa, non a caso, una manifestazione per propiziare la nuova annata agraria.
Il carnevale Mamoiadino è tra le feste popolari più antiche e ricche di folclore della Sardegna. Un Carnevale semplice, povero, se per povertà s’intende la mancanza di sofisticati carri allegorici in cartapesta o altri moderni mascheramenti, ma tra i più suggestivi e autentici. Il paese si riversa nella piazza principale per ballare i tradizionali passu torrau e sartiu, al suono dell’organetto, per ore ed ore, instancabilmente. Ma la maggior attrattiva, l’attenzione di tutti viene richiamata dalla sfilata dei Mamuthones e Issohadores che sono il simbolo di questo Carnevale e, con il loro procedere e la loro “musica” ritmata, trascinano e coinvolgono la folla. Si spostano come vogliono senza interrompere la compostezza dei loro movimenti, della danza, sono loro i veri padroni del Carnevale.
«Senza Mamuthones non c’è Carnevale» dicono gli abitanti di Mamoiada. Due figure diverse nel muoversi e nell’abbigliamento: una carica di pelli e campanacci con una tragica maschera nera. A conclusione dei tre giorni di balli e sfilate in piazza, viene offerto ai presenti un tipico piatto di fave con lardo e carne di maiale, il tutto innaffiato dall’ottimo e rinomato vino locale l’altra più leggere, colorata e vivace ma sembrano accomunate da un unico destino.
Molto toccanti i riti e le rappresentazioni della Settimana Santa. Mamoiada rivive ogni anno il dramma della Croce con una tipica rappresentazione all’interno della chiesa principale e all’esterno per le vie del paese il giorno di Pasqua.
(maggiori informazioni nel sito culturale – more info http://www.mamoiada.org – Testo e foto R. Ballore)


Monumenti, Luoghi e Itinerari
MUSEO DELLE MASCHERE MEDITERRANEE
MUSEO DELLA MASCHERA
Il Museo delle Maschere Mediterranee
Il Museo delle Maschere Mediterranee di Mamoiada è situato in un edificio nel centro del paese già utilizzato dal Comune come biblioteca al piano terra. Il museo è allestito nelle sale al primo piano ed è unico nel suo genere, infatti le sue dotazioni strutturali sono basate in parte sull'offerta classica (le maschere dei paesi mediterranei), in parte su un elemento innovativo, basato sugli strumenti della Information & Communication Technology. L'unicità del museo consiste nella sala multivisione dove, grazie alla presenza di dodici diaproiettori, i visitatori potranno rivivere momenti topici delle sfilate dei Mamuthones, partendo dalla festa di Sant'Antonio Abate sino al caratteristico carnevale mamoiadino.
Nella sala espositiva sono esposte in modo più tradizionale e istruttivo le maschere; in un angolo, su un piano in roccia locale, sono esposte due maschere complete di Mamuthones ed una di Issohadore; da qui si sviluppano a raggiera due assi espositivi: a destra vi sono altre maschere del carnevale barbaricino (di Ottana e Orotelli); a sinistra si possono visitare le maschere che provengono dal bacino del Mediterraneo (Grecia, Slovenia, Croazia ed arco alpino).
La dotazione è continuamente oggetto di aggiornamento.
http://www.museodellemaschere.it
INFO
Viseras piccola società cooperativa a r.l.
Piazza Europa, 15
08024 Mamoiada (NU)
P.I. 01128700919
Tel. 0784/569018 Fax 0784/56719
e-mail: info@museodellemaschere.it
Soci:
PAFFI Gianluigi, cell. 3475504426
PAFFI Mario, cell. 3471367921


Enogastronomia, Ricette e Prodotti tipici
Cucina tipica
Vedi voce "La cucina" nel portale del paese, sito culturale http://www.mamoiada.org

Tutte le informazioni sul Portale di Mamoiada
Tutte le informazioni relative a strutture turistiche su www.mamoiada.net

Sport, Divertimento e Tempo libero

Eventi e Appuntamenti
APPUNTAMENTI
www.mamoiada.org
16-17 Gennaio - (Sant'Antonio)
CARNEVALE
Luglio e Agosto (feste locali)
SETTEMBRE sagra dei SS. Cosma e Damiano
AUTUNNO IN BARBAGIA
"Tappas in Mamoiada" (circuito eno-gastronomico, artigianato, archeo)
(data non fissa)
more info http://www.mamoiada.org -
www.mamoiada.net

Da sapere
Il caso Piras-Peron
Il caso Piras-Peron
EL PRESIDENTE -
Il caso Piras-Peron,
la leggenda di un sardo che sarebbe diventato Juan Peron - Il caso inizia proprio da questo paese...
(più informazioni nel sito www.mamoiada.org)

Numeri utili
MANGIARE & DORMIRE
Indirizzi dei B & B, locande, ristoranti, agriturismo e agenzie turistiche nel sito www.mamoiada.org

  Link

 Annunci Mamoiada Annunci gratuiti con foto e senza registrazione
 Annunci lavoro Mamoiada Annunci gratuiti per offerta e ricerca di lavoro
 Annunci personali Mamoiada Annunci gratuiti per amicizia, amore, incontri e matrimonio
 Annunci immobiliari Mamoiada Annunci gratuiti di vendita e affitto case e immobili
 Annunci Mamoiada Annunci gratuiti

 Museo delle Maschere Mediterranee - Museo delle Maschere Mediterranee
 JANNAS TURISMO - Jannas Servizi Turistici
 MAMOIADA e MAMUTHONES - Il portale sul paese dei Mamuthones e Issohadores, del museo maschere mediterranee, del vino, del circuito archeo unico e tanto altro
 Il Portale di Mamoiada - Tutto sul paese di Mamoiada, cultura, archeologia, tradizione, news, photogallery, community...

  I commenti degli utenti e dei viaggiatori

 Per la Egr. Redazione Italiatua. E' possibile mettere a lato questi richiami a "Incontri Mamoiada" e "Annunci Mamoiada". Sembrano fatti da chi ha gentilmente fornito testi e foto ma che niente hanno a che fare. Grazie R.Ballore (by mamoiada on 2007-12-30 22:33:46)

 


made by
Officine Informatiche