Basilicata Campania Molise Valle d'Aosta Piemonte Liguria Emilia Romagna Friuli-Venezia Giulia Trentino-Alto Adige Lombardia Puglia Lazio Umbria Marche Abruzzo Veneto Sardegna Calabria Sicilia Toscana

ITALIA

Veneto

Provincia di Belluno

Domegge di Cadore

 Login/Registrazione    Il progetto
  

Domegge di Cadore

Home Page -> Italia -> Italia Nord-Orientale -> Veneto -> Provincia di Belluno ->Domegge di Cadore

  
Guida
 
Alloggi e sistemazione
 
Cultura e Tempo libero
 
Mangiare e bere
 
Salute e bellezza
 
Servizi turistici
 
Shopping

Mappa Domegge di Cadore

Informazioni generali
Il comune di Domegge di Cadore è, insieme ad altri 68, uno dei comuni della Provincia di Belluno.
Abitanti: ha una popolazione di circa 2690 abitanti.
Altitudine: è situato a circa 775 metri sul livello del mare.
Comuni limitrofi: confina con i seguenti comuni: Auronzo di Cadore, Calalzo di Cadore, Cimolais (PN), Forni di Sopra (UD), Lorenzago di Cadore, Lozzo di Cadore, Pieve di Cadore.
CAP: 32040
Prefisso: 0435
Codice fiscale:
Codice ISTAT: 25018
Nome degli abitanti:


Il Territorio

La Storia
Ritrovamenti archeologici
Posta tra i 650 mslm di Vallesella e i 1000 ca. di Grea, Domegge è il comune più centrale del Cadore circondato
dalle spendide montagne dei Monfalconi, degli spalti di Toro e delle Marmarolee affacciato sul lago artificiale
del Centro Cadore .Il rinvenimento in una cava in località Crodola di un falcetto e un'ascia ad alette bronzei
datati al XIII-XII secolo a. C. è il più antico segno di frequentazione umana in Centrocadore.
Un altro reperto molto interessante è l'elmo in ferro trovato a Pegnola (Vallesella) datato al IV-III secolo a.C.;
Sono state trovate monete che vanno da Vespasiano (69-79 d.C.) a Marco Aurelio (161-180 d.C.) in varie località;
Colle di Medol, Vinchia, casa de Bernardo. Infine nel centro di Domegge è stata rinvenuta una sepoltura
di tre inumati (due adulti e un giovane), supini con il capo rivolto a nord. Il corredo era composto da una collana
con perle in pasta vitrea, orecchino d'argento, armilla e catenina bronzee; il materiale è stato datato
al VI-VII secolo d.C. Il toponimo Domegge è quasi sicuramente di origine romana da due milia che rappresentava
la distanza da Pieve.

Folklore, Cultura e Tradizioni

Monumenti, Luoghi e Itinerari
Da visitare
Da visitare ci sono la monumentale chiesa di Domegge, risalente al 1860, e la chiesa della Beata Vergine del Molinà,a
pianta poligonale irregolare detta "chiesa dell'armistizio" poiché qui, a seguito dello sfondamento del fronte
del Piave, erano giunte le truppe italiane. Attorno a questa chiesa ci sono numerose e curiose leggende, fin dalla
sua fondazione: Si narra infatti che al momento della costruzione della chiesa il paese di Calalzo la volesse nel
suo territorio sulla destra del torrente Molinà,ma l’opposizione della popolazione di Domegge fu decisa, per cui si iniziò
a costruire la chiesa sul sito dove sorge oggi. Poste le fondazioni si incominciarono a costruire i muri perimetrali
però, appena questi raggiunsero una data altezza, ogni notte gli abitanti di Calalzo scendevano in forze sul
ponte, demolivano i muri costruiti nella giornata e li ricomponevano sulla loro sponda. Ogni mattina tuttavua
vedevano i muri ritornati inspiegabilmente sulla sponda appartenente al comune di Domegge, tanto che gli operai
che la stavano costruendo non si erano mai accorti di nulla. Continuò così per giorni: naturalmente più passava
il tempo, più grande era il muro da demolire e da ricostruire, ma ogni giorno era al suo posto sulla sponda
di Domegge. Una notte, dopo l’ennesima fatica, trasportato il muro sul versante di Calalzo, un gruppetto
di quel paese rimase a spiare cosa avvenisse nella notte. Ad un certo punto la leggenda vuole che una
bellissima signora vestita di raso lucente giunse sul posto con uno stuolo d’Angeli. In un attimo e silenziosamente
i muri vennero riportati dall’altra parte del torrente, nel territorio di Domegge. Da quella notte, diffusasi
la voce, più nessuno si azzardò a toccare un sasso e la chiesa sorse nel luogo odierno.
Alcuni fatti avvenuti nei pressi della chiesetta nel corso degli anni hanno spinto numerosi abitanti del
luogo a ritenere l'area protetta in qualche modo dalla santa cui è dedicata. Si parla di fatti straordinari e
non di miracolo, in quanto questo è un avvenimento al di fuori dell'ordine della natura, proprio per ciò
gli organi ecclesiastici non hanno voluto tener conto dei fatti accaduti nei pressi della chiesa della Beata Vergine
della Molinà. I fatti sono i seguenti:
Due ragazzi cadono da una cinquantina di metri (lo afferma un ex voto del 1810) e si salvano senza riportare
grosse lesioni; il quindicenne Valmassoi Osvaldo, nato a Domegge il 5 agosto 1881, mentre stava lavorando al tetto
della chiesa (era il 26 maggio giorno della Madonna del Caravaggio) cade nel vuoto con un salto di cinquantacinque metri e
quando i compagni di lavoro scendono per raccoglierne il corpo sfracellato lo trovano del tutto illeso, addirittura, secondo l
a leggenda, in cerca del proprio berretto; il 13 novembre del 1971 W. Laguna di Lozzo, precipita dal ponte con il suo
automezzo per 58 metri e si ferma nel torrente. Si rompe una gamba e si lussa una spalla.

Nella frazione di Grea su un colle dominante la valle si affaccia la chiesetta gotica di S.Leonardo del 1430.
Da visitare c'è sicuramente anche l'Eremo dei Romiti del Monte Froppa restaurato di recente.Esso sorge sull'omonimo
colle a quota 1164 m e fu edificato negli anni 1720-1721 mentre la costruzione della chiesa dedicata a San Giovanni Battista il Precursore risale a quattro anni più tardi.
Le strutture religiose hanno ospitato alcuni frati terziari francescani dal 1720 ed il 1810 i quali erano s
oprannominati "i romiti". Il fondatore dell'Eremo del Monte Froppa è il frate Giovanni Maria Pinazza che fu
anche il primo superiore della congregazione. Gli edifici sono in completo abbandono dal 1810 quando l'eremo fu
soppresso da Napoleone. Di tutto il complesso religioso è ancora in buono stato conservazione un piccolo capitello
ad un centinaio di metri dalla chiesa, il quale presenta gli unici affreschi che hanno resistito al logorio del tempo.
Diversamente l'edificio dov'era ubicato il convento è in uno stato completa rovina e la chiesa, seppur completamente
spoglia al suo interno, presenta i muri perimetrali integri in quanto tra la fine degli anni '70 e i primi anni '80 è
stato rifatto il tetto.

Enogastronomia, Ricette e Prodotti tipici
Rifugi
Per chi ama il buon cibo tradizionale non mancano i rifugi, Il Padova e il Cercenà, raggiungibili in macchina e da cui si può
poi partire a piedi tra i numerosi itinerari della zona.
Sull'altro versante ci sono i Rifugi Baion e Ciareido, raggiungibili a piedi da Domegge e Grea oppure in auto da Lozzo di Cadore.

Sport, Divertimento e Tempo libero

Eventi e Appuntamenti

Da sapere

Numeri utili

  Link

 Annunci Domegge di Cadore Annunci gratuiti con foto e senza registrazione
 Annunci lavoro Domegge di Cadore Annunci gratuiti per offerta e ricerca di lavoro
 Annunci personali Domegge di Cadore Annunci gratuiti per amicizia, amore, incontri e matrimonio
 Annunci immobiliari Domegge di Cadore Annunci gratuiti di vendita e affitto case e immobili
 Annunci Domegge di Cadore Annunci gratuiti

 www.domeggedicadore.info/ - Sito web Comune di Domegge di Cadore
 Affitti per le vacanze - Un appartamento, una casa privata e una baita in affitto per le vostre vacanze

  I commenti degli utenti e dei viaggiatori

 Nessun commento in archivio. Registrati per inserire il tuo parere o per un semplice saluto

 


made by
Officine Informatiche